Abbronzatura e Alimentazione: 5 domande (e risposte)

Abbronzatura e Alimentazione: 5 domande (e risposte)

L’alimentazione corretta è fondamentale tutto l’anno ma soprattutto in estate, quando esponiamo la nostra pelle ai raggi solari e vogliamo ottenere un’abbronzatura uniforme e sicura per la salute.

  1. Quali sono i nutrienti più importanti quando si parla di abbronzatura e come agiscono?

Sono fondamentali alcune vitamine (in particolare la A) per il loro ruolo nella formazione della melanina; gli antiossidanti per l’effetto protettivo contro i raggi UV che velocizzano l’invecchiamento, e non in ultimo l’acqua: esporsi al sole porta ad un aumento della temperatura corporea e ad una maggiore traspirazione con il conseguente rischio di disidratazione, che non è molto estetica!

  1. Perché i raggi UV sono dannosi e come si contrastano?

Sicuramente con gli antiossidanti: i raggi UV quando penetrano nella pelle producono radicali  liberi che attaccano le cellule di collagene ed elastina, le ossidano,  accelerando l’invecchiamento cutaneo. Gli antiossidanti contrastano questa azione aiutandoci a mantenere la pelle giovane e bella.

  1. Quali alimenti sono particolarmente ricchi di antiossidanti?

Mirtilli, uva e lamponi sono ricchi di polifenoli, molecole con una potente azione antiossidante, contrastando l’effetto del photo-aging.

Mandorle, avocado, germe di grano e olio d’oliva contengono ottime dosi di vitamina E, che è essa stessa un forte antiossidante.

Il pesce è anche molto utile in quanto ricco di acidi grassi e omega 3 che svolgono un effetto protettivo contro i radicali liberi e partecipano alla riparazione delle fibre di collagene ed elastina messe a dura prova dall’esposizione solare. E’ anche un’ottima fonte di sali minerali quali zinco e selenio, anch’essi coinvolti nel processo di riparazione cellulare dai danni ossidativi dei raggi solari.

Un altro antiossidante degno di menzione è il licopene la cui principale fonte è il pomodoro.

  1. E per favorire la produzione di melanina?

In generale frutta e verdura di colore giallo  e arancione (carote, pesche, nespole melone, barbabietole rosse, albicocche ecc.) perché sono particolarmente ricche di betacarotene, precursore della vitamina A, che favorisce direttamente la produzione di melanina. Questi sono gli alimenti “abbronzanti”. Le carote sono il cibo più ricco vitamina A, con ben 1200 microgrammi ogni 100 grammi di alimento.

  1. Un consiglio generale?

Evitare di esporsi nelle ore più calde della giornata, usare sempre la crema solare di protezione, idratarsi spesso.

Scrivi a Giulia: g.vincenzo@pharmawizard.it

Autore

Giulia Vincenzo 19 posts

Laureata all’Università Sapienza di Roma in Scienze Biologiche e in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica, con Master di II livello in Dietetica e Nutrizione all’Università Cattolica del Sacro Cuore – Policlinico Gemelli (Roma). Oggi lavora come nutrizionista e continua a studiare e aggiornarsi per capire a fondo i meccanismi dell’uso dei nutrienti e relative patologie per poter aiutare sempre meglio chi ne soffre. Ha un sito personale (www.giuliavincenzo.it) e gestisce la pagina Facebook “Mangiare intelligentemente“.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like

Mangiare Intelligentemente
Mangiare Intelligentemente