Che cosa sono i farmaci FANS

Che cosa sono i farmaci FANS

Perché F.A.N.S.?

FANS è l’acronimo di farmaci antinfiammatori non steroidei. Quelli di uso più comune sono l’Aspirina, la Tachipirina, il Moment. Si tratta di farmaci in grado di ridurre numerosi processi infiammatori dell’organismo e che non presentano la struttura steroidea tipica di cortisone e derivati (comunemente chiamati cortisonici).

Pur presentando strutture e classi chimiche diverse tra loro, la somministrazione di questi farmaci dà effetti terapeutici piuttosto omogenei: oltre ad agire come antinfiammatori, svolgono attività analgesica ed antipiretica, ovvero combattono dolore e febbre.

Come funzionano?

I FANS agiscono bloccando la produzione di prostaglandine (ovvero sostanze che agiscono come mediatori dell’infiammazione)attraverso l’inibizione dell’enzima ciclossigenasi (anche prostaglandina-endoperossido sintasi); di questo enzima sono note tre isoforme:

  • ciclossigenasi 1 (COX-1)
  • ciclossigenasi 2 (COX-2)
  • ciclossigenasi 3 (COX-3).

La COX-1 è una proteina presente nella mucosa gastrica. Una sua inattivazione interrompe la produzione del muco gastrico che protegge lo stomaco.
La COX-2 (scoperta nel 1991) è una proteina prodotta in seguito a processi di tipo infiammatorio.
La COX-3 (scoperta nel 2002) è una proteina presente in particolar modo a livello del sistema nervoso centrale; è coinvolta sia nell’origine del dolore che della febbre.

Pharmawizard App

Cose da sapere

Nel 1991 P. Needleman scopre l’esistenza di due cicloossigenasi (COX-1 e COX-2) e che solo la seconda è responsabile dei processi infiammatori, mentre la prima controlla gli aspetti positivi delle prostaglandine, ad esempio la secrezione del muco gastrico.

I primi FANS sintetizzati e tutt’ora commercializzati non distinguono tra le forme enzimatiche COX-1 e COX-2 e le inibiscono entrambe. Mentre i FANS di seconda generazione sono più selettivi nei confronti della forma COX-2, risultando così lievemente meno grastrolesivi, ma presentando anche una maggiore tossicità cardiovascolare.

La COX-3 viene scoperta nel 2002, negli USA. Questa terza variante dell’enzima COX è, come indicavamo più sopra, coinvolta nell’origine di dolore e febbre. La scoperta americana spiega soprattutto perché il paracetamolo non ha funzione antinfiammatoria, anche se è prematuro pensare che possa dare origine a una terza generazione di farmaci.

Effetti collaterali indesiderati

Dato il loro effetto antidolorifico, i FANS possono mascherare il dolore illudendo di un’improbabile guarigione. Infatti è buona norma usare gli antinfiammatori per 2-3 giorni, sospenderli e verificarne il reale effetto. Solitamente se una patologia di qualsiasi tipo richiede una somministrazione di antinfiammatori per 20 o più giorni è più grave del previsto e bisognerebbe prendere in considerazione altre forme di cura.

Della nostra rubrica “Il farmaco: questo sconosciuto” potrebbero interessarti anche:
Che cos’è la disfunzione erettile? Viagra e altri vasodilatatori
No al paracetamolo in gravidanza: rischio di ADHD per il bimbo
Aspirina Bayer: storia del primo FANS

 

Autore

Pharmawizard 292 posts

Pharmawizard è il servizio digitale gratuito - app e desktop - che risolve il problema della ricerca di informazioni affidabili sui farmaci. Con Pharmawizard è possibile avere sempre a portata di mano la soluzione intelligente per gestire al meglio i propri farmaci e tutelare la propria salute.

1 Comment

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like