Tra tavola e letto: consigli per una “dieta afrodisiaca”

Tra tavola e letto: consigli per una “dieta afrodisiaca”

E’ proprio il caso di dire che l’alimentazione influisce su tutti tutti gli aspetti della nostra vita, persino sotto le lenzuola!

La dieta afrodisiaca

Vediamo quali sono i 5 consigli per una dieta… Hot!

1. Evitate i cibi precotti, fritti, confezionati e troppo ricchi in grassi e zuccheri

Rallentano la digestione, fanno sentire più appesantiti e fanno ingrassare, tutti fattori che non migliorano l’agilità sulle molle del materasso.

2. Preferite fonti di proteine magre, come la carne magra, il pesce, i latticini freschi

Gli affettati (come la bresaola e la fesa di tacchino), rimpolperanno la massa muscolare rendendola tonica ed efficiente, insieme ad un regolare esercizio fisico che allena il fiato e la resistenza fisica.

3. Non saltate i pasti, mangiate a intervalli regolari

Piccoli pasti invece di mangiare poche volte ma tanto tutto insieme: renderà omogenea l’energia disponibile, non intaserà la digestione e eviterà cali di glicemia e debolezza.

4. Gli alimenti che chimicamente aiutano a migliorare le prestazioni sessuali

Il cioccolato, il peperoncino, le mandorle, le banane, lo zenzero, il basilico, il sedano, le ostriche, la frutta secca in generale, avocado e fichi. Tutti questi alimenti migliorano la salute del sistema cardiocircolatorio, la risposta antiossidante, la produzione di neurotrasmettitori e contengono sali minerali e vitamine preziose. Aiutano anche i cereali integrali rispetto ai corrispettivi raffinati perché contengono una maggiore quantità di vitamine del gruppo B.

5. Alcol sì ma non troppo

Una piccola quantità di alcol, inteso a ridotta gradazione preferibilmente un vino piuttosto che una birra, aiuta a lasciarsi andare ma un eccesso genera disturbi e influisce negativamente sulla performance sessuale.

 

Scrivi a Giulia: g.vincenzo@pharmawizard.it

Autore

Giulia Vincenzo 19 posts

Laureata all’Università Sapienza di Roma in Scienze Biologiche e in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica, con Master di II livello in Dietetica e Nutrizione all’Università Cattolica del Sacro Cuore – Policlinico Gemelli (Roma). Oggi lavora come nutrizionista e continua a studiare e aggiornarsi per capire a fondo i meccanismi dell’uso dei nutrienti e relative patologie per poter aiutare sempre meglio chi ne soffre. Ha un sito personale (www.giuliavincenzo.it) e gestisce la pagina Facebook “Mangiare intelligentemente“.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like