Cosa è la menopausa?

Cosa è la menopausa?

Menopausa. Nessun dramma, ma un evento fisiologico inevitabile che per la donna vuol dire sì, il termine dell’età fertile (e anche la fine della schiavitù degli assorbenti), ma anche l’inizio di una nuova fase della vita. Per alcune è una “novità” che arriva a 45 anni, per altre a 55. Di fatto la menopausa rappresenta la cessazione – definitiva, sia chiaro – delle mestruazioni, che nella maggior parte si presenta intorno ai 50 anni, anno più anno meno.

Non basta saltare qualche ciclo mestruale per dire di essere entrate in questa nuova fase della vita. Se qualche stranezza inizia a “farsi notare” (ritardo del ciclo, durata diversa, assenza del ciclo) vuol dire che ci stiamo preparando: questa fase si chiama perimenopausa  e può durare anche qualche anno. In ogni caso servono 12 mesi consecutivi di assenza di ciclo mestruale prima di brindare.

Ci sono due tipi di menopausa: spontanea, e quindi naturale (e fin qui tutto nella norma), e un’altra, artificiale, indotta da qualsiasi causa capace di distruggere il tessuto ovarico: interventi chirurgici, trattamenti antitumorali, agenti infettivi chimici, o causata da malattie metaboliche e/o difetti enzimatici (galattosemia) e meccanismi autoimmuni che coinvolgono spesso surrene e tiroide, oltre che l’ovaio.

Ma che succede nel corpo della donna con la menopausa?

Nei 5-8 anni che la precedono il patrimonio follicolare si esaurisce e l’ovaio va lentamente… in pensione. A ben guardare si tratta di un piccolo aiuto di madre Natura: rispetto agli altri organi l’ovaio ha un tempo di vita dimezzato, un espediente che serve per proteggere noi donne dal rischio di patologia associato a gravidanze in età avanzata.

Riuscite a vedere il lato positivo della menopausa ora?

Per saperne di più

La mancata maturazione dei follicoli si manifesta con una sensibile diminuzione dell’attività endocrina, segnalata dalla brusca caduta dei livelli ormonali come estrogeni androgeni, inibina B e ormone antimulleriano e dalla scomparsa della produzione ciclica di progesterone. In risposta a tale disequilibrio e nel tentativo di promuovere la crescita follicolare, l’ipofisi aumenta la sintesi e il rilascio delle gonadotropine FSH, ma senza esito, poiché le poche centinaia di follicoli rimasti non sono più sufficienti a organizzare il ciclo mestruale.
Cristina Perrotti

Autore

VediamociChiara 48 posts

VediamociChiara è il blog dedicato alle donne che vogliono saperene di più sulla salute propria e di tutta la famiglia. I temi trattati sono vari: contraccezione, età fertile, perimenopausa, cure per l’infertilità, pillola del giorno dopo, nutraceutici, farmaci di nuova generazione, terapie per la cura dell’acne o della sindrome dell’ovaio policistico, iniziative benefiche come la Race for the Cure di Komen Italia.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like