Malattie degli occhi: presto diagnosi con smartphone

Malattie degli occhi: presto diagnosi con smartphone

Presto la diagnosi delle malattie degli occhi sarà possibile tramite la fotocamera di un semplice smartphone. La notizia arriva dall’università di Stanford.

Lo studio

Pensate a una delle azioni più semplici e automatiche che svolgiamo tenendo in mano il nostro smartphone: apri fotocamera, metti a fuoco, scatta. Ormai conserviamo e condividiamo così i ricordi delle vacanze, i ritratti degli amici, la meraviglia.

Adesso immaginate se tramite una normale fotografia fosse possibile diagnosticare le malattie degli occhi.  Potrebbe sembrare la fantasia di un autore sci-fi e invece è realtà!

I dispositivi di cui parliamo sono due e a svilupparli sono stati i medici californiani della Stanford University che hanno pubblicato due articoli sulla rivista Journal of Mobile Technology in Medicine. I dispositivi creati a corredo del telefonino consentono di catturare immagini ad alta risoluzione della parte anteriore e posteriore dell’occhio e sono, inoltre, davvero economici.

Il progetto, partito due anni fa, si proponeva di offrire la possibilità di accedere ai servizi oculistici anche ai pazienti che non avessero potuto muoversi da casa.
Il coordinatore, David Myung, ha dichiarato: “Adattare uno smartphone per fotografare l’occhio ha il potenziale per rivoluzionare la cura del settore oftalmologico. In particolare, aiuterà a fornire i servizi nei luoghi meno accessibili”. E ha aggiunto: “Una foto vale veramente più di mille parole”.

Grazie a questi scatti sarà infatti possibile realizzare diagnosi istantanee e decisamente più dettagliate e garantire controlli più frequenti anche a distanza.

I costi

I macchinari ospedalieri che servono a fotografare l’occhio costano decine di migliaia di euro e per essere utilizzati correttamente necessitano di una formazione completa del personale e per di più si tratta di macchinari che non sempre sono presenti o disponibili all’interno di cliniche e ospedali. I due nuovi dispositivi, invece, hanno un costo di produzione che si aggira intorno ai 65 euro e in futuro il prezzo sarà ancora più basso.

La velocità

I dispositivi favoriranno anche e soprattutto la velocità delle diagnosi ma pure degli interventi: i dati relativi al paziente potranno in pochi tocchi essere trasferiti immediatamente nella sua cartella clinica permettendo ai medici di intervenire il più prontamente possibile.

Dunque una vera rivoluzione, chiara e ben visibile!

Potrebbero interessarti anche:
Con i social network la salute è online
Ipocondria: i farmaci che usiamo ci servono davvero?
No al paracetamolo in gravidanza: rischio di ADHD per il bimbo

Autore

Pharmawizard 285 posts

Pharmawizard è il servizio digitale gratuito - app e desktop - che risolve il problema della ricerca di informazioni affidabili sui farmaci. Con Pharmawizard è possibile avere sempre a portata di mano la soluzione intelligente per gestire al meglio i propri farmaci e tutelare la propria salute.

Lascia il tuo commento

You might also like