Endometriosi: come si diagnostica e come si cura

Endometriosi: come si diagnostica e come si cura

L’ endometriosi è una patologia della membrana mucosa che riveste la cavità uterina: l’endometrio.

Ogni mese, in corrispondenza del ciclo, l’endometrio subisce delle trasformazioni per poter far fronte ad una possibile fecondazione. Se ciò non accade  esso viene eliminato con il flusso mestruale.

Si parla di endometriosi quando cellule di questo tessuto si insediano all’esterno dell’utero in altre sedi (endometrio ectopico), più frequentemente in tube, ovaie, vagina, intestino. Comportandosi come l’endometrio, ovvero subendo ciclicamente le stesse trasformazioni, ma non potendo essere eliminato con le mestruazioni, procura in chi ne soffre dolori molto forti ad ogni ciclo, fortemente invalidanti.

Endometriosi malattia benigna

L’ endometriosi è una malattia benigna, ad andamento cronico

Sono in particolare le donne in età fertile le più colpite . Tra loro quelle che non abbiano mai avuto una gravidanza o che non l’abbiano avuta prima dei 30 anni. Si stima che in Italia siano circa 3 milioni le donne affette da endometriosi. La malattia in genere tende ad attenuarsi con la menopausa.

Pur essendo molto diffusa, ancora molto poco si sa sulle cause.

La familiarità e l’età potrebbero rappresentare dei fattori di rischio.

Un’altra possibile causa, seppure non ancora completamente supportata da prove, è la cosiddetta “mestruazione retrograda”.  Ad ogni ciclo il sangue mestruale anziché fuoriuscire, risale verso la pancia, attraverso le tube e in alcune persone più inclini di altre questo fenomeno è in grado di sviluppare la malattia.

Anche l’esposizione a particolari fattori ambientali inquinanti è per gli studiosi fonte di sospetto.

Che conseguenze porta l’ endometriosi?

Stime riportano che all’incirca il 30-40%  di donne che soffrono di endometriosi è sterile. Ed è proprio la difficoltà a rimanere incinta che porta la donna a scoprire di avere l’endometriosi.

Questo accade perché la sintomatologia principale di questa malattia, ovvero dolori pelvici molto forti durante e a volte anche prima delle mestruazioni, è dalle donne stesse considerata una condizione normale e si finisce con l’andare dal medico solo quando non si riesce ad avere una gravidanza.

Tra i sintomi collegati all’ endometriosi sono riportati anche rapporti sessuali particolarmente dolorosi, perdite di sangue fuori dai periodi mestruali, mestruazioni abbondanti, spossatezza,….

Diagnosi e cura

Le donne, erroneamente, considerano e vivono il momento delle mestruazioni come un momento di “naturale dolore fisico”. Ma non deve essere così e soprattutto quando questo dolore è tale da impedire le normali attività quotidiane, come andare a lavorare o fare sport, allora è veramente necessario rivolgersi al proprio ginecologo.

La diagnosi, già di per sè difficoltosa per la presenza di sintomi che possono far pensare ad altre patologie, viene spesso effettuata tardivamente.

È importante recarsi dal medico sapendo dettagliatamente descrivere i sintomi che si sentono. Per la diagnosi della endometriosi possono essere effettuati esami ecografici o la risonanza magnetica  e se necessario, potrebbe essere effettuato un intervento in laparoscopia. Quest’ultimo esame consente di visionare, tramite una sonda a fibre ottiche (il laparoscopio), gli organi della cavità addominale.

La terapia può variare da soggetto a soggetto.

In generale può essere di aiuto, per il controllo e la diminuzione dei sintomi, l’assunzione della pillola anticoncezionale o una terapia farmacologica ormonale che rallenta lo sviluppo del tessuto endometriale.

Solo nel caso non risultassero sufficienti le terapie orali, potrebbe rendersi necessario intervenire chirurgicamente.

Si ricorda infine che il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, in occasione della Terza Giornata dell’Endometriosi (19 Marzo 2016) ha dichiarato che  “Con la conclusione dell’iter di aggiornamento dei nuovi Lea (Livelli essenziali di assistenza), questa patologia rientrerà infatti nell’elenco delle malattie croniche invalidanti che danno diritto all’esenzione”.

Silvia Taurelli

Autore

VediamociChiara 48 posts

VediamociChiara è il blog dedicato alle donne che vogliono saperene di più sulla salute propria e di tutta la famiglia. I temi trattati sono vari: contraccezione, età fertile, perimenopausa, cure per l’infertilità, pillola del giorno dopo, nutraceutici, farmaci di nuova generazione, terapie per la cura dell’acne o della sindrome dell’ovaio policistico, iniziative benefiche come la Race for the Cure di Komen Italia.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like