Farmaci e Allattamento: come comportarsi?

Farmaci e Allattamento: come comportarsi?

 

Una delle maggiori ansie per una mamma che deve prendere dei farmaci è il timore dei possibili effetti del farmaco sul neonato, correlato al suo passaggio nel latte materno. Questo rischio è sempre presente? È sempre controindicato allattare quando si assumono farmaci?

Importanza della prescrizione

Nella maggior parte dei foglietti illustrativi dei medicinali alla sezione “Gravidanza e allattamento” è scritto “controindicato in caso di gravidanza o allattamento”, ma questo non è sempre vero.
Gran parte dei farmaci, infatti, passano nel latte materno solo in piccole quantità e solo pochi provocano reali problemi al bambino. In molti casi sospendere l’allattamento è più pericoloso dell’assunzione del farmaco stesso!
Per questo è sempre doveroso affidarsi al professionista sanitario prima di assumere o sospendere un farmaco: sarebbe opportuno assumere solo i farmaci realmente indispensabili, evitare i farmaci da banco se non prescritti dal medico così come l’auto-prescrizione.

Farmaci sicuri nei dosaggi consigliati

Vi sono alcuni farmaci comunemente utilizzati che sono sicuri per il bambino, sempre se assunti nei dosaggi prescritti dal medico, questi sono:

Farmaci e allattamento: alcuni consigli

Nel caso la mamma debba per forza assumere un determinato farmaco, per ridurre al minimo il suo passaggio nel latte basta assumerlo dopo la poppata, in tal modo le due tre ore che passano dall’assunzione del farmaco al pasto successivo del bambino permetteranno la sua eliminazione.
Inoltre nei casi in cui non vi è la possibilità di sostituire un farmaco non sicuro con un farmaco sicuro, basterà tirarsi il latte e buttarlo il tempo della cura, in tal modo il seno continuerà ad essere stimolato senza perdere la produzione di latte.
Importante è in ogni caso tenere sotto controllo il bambino durante il periodo di cura della madre, in modo tale da identificare tempestivamente eventuali reazioni avverse del farmaco.
Per ulteriori informazioni e dubbi su specifici farmaci, si può contattare l’ U.O. Tossicologia clinica-centro Anti veleni degli ospedali Riuniti di Bergamo, il cui numero verde sempre attivo è 800 88 33, al quale risponderanno professionisti esperti nel settore.

Scrivi a Marta: ostetrica.martav@gmail.com

Autore

Marta Vettori 21 posts

Mi sono laureata con Lode all’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, svolgendo il tirocinio formativo presso l’ospedale “S. Giovanni Calibita, Fatebenefratelli Isola Tiberina. Subito dopo la laurea, ho iniziato a partecipare a corsi di aggiornamento specifici per la professione ostetrica che mi permettessero di ampliare le mie conoscenze, in modo da poter al meglio stare al fianco della donna in ogni fase della sua vita. Esercito la libera professione sul territorio di Roma, cosa che amo perché mi permette di esercitare le mie competenze in un modo più naturale, dando assistenza "su misura”. Essere ostetrica per me significa valorizzare la figura femminile in ogni sua piccola sfaccettatura, concedere spazio alla coppia, ascoltare il neonato e i suoi bisogni, sostenere, consigliare, stare accanto, lasciare che la natura faccia il suo corso, ascoltare e osservare con le mani dietro la schiena.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like