Farmaci in viaggio? Meglio partire solo con Pharmawizard

Farmaci in viaggio? Meglio partire solo con Pharmawizard

porta solo pharmawizardÈ il 10 dicembre. Il Natale si avvicina a ritmo sempre più concitato, lo spirito delle feste si insinua sotto le scrivanie del vostro ufficio e vi spettina i capelli a suon di campanelle. Tra appena 15 giorni saremo tutti più felici, buoni, ricoperti di lustrini, in viaggio verso mete rilassanti e mangerecce.

Ma quando andiamo in vacanza, potrebbero imbarcarsi con noi anche i tipici disturbi del viaggiatore.

Perciò, cogliamo l’occasione non solo per ricordarvi come si conservano le medicine se andate a passare il Natale in un posto molto molto caldo, ma anche per darvi un suggerimento per alleggerire il vostro bagaglio.

Il consiglio è: non riempite la valigia di medicine.

Vi diciamo in breve perché.

Farmaci e fuso orario

Innanzitutto, chi viaggia diretto dall’altra parte dell’emisfero nativo saprà di certo che i diversi fusi orari possono creare problemi con l’assunzione regolare di farmaci. Se si deve assumere un farmaco a intervalli regolari (ad esempio, insulina e pillola anticoncezionale) è consigliabile consultare un medico prima di effettuare un volo che comporta l’attraversamento di uno o più fusi orari. Ma comunque, portate solo i farmaci davvero necessari. Non tutto l’armadietto di casa!

Farmaci nel bagaglio a mano

Altra questione problematica è quella legata al trasporto a bordo dei medicinali. I farmaci dovrebbero essere imballati in modo da poter resistere agli urti e se possibile ripartiti tra più colli. Se invece avete bisogno di tenere i vostri farmaci nel bagaglio a mano, fareste bene a portare da una volta e mezzo a due volte la quantità richiesta, perché in casi eccezionali i voli possono essere ridiretti su altre destinazioni o la loro partenza ritardata, anche ci si trova già sull’aereo. Bella seccatura. Inoltre, non potete sperare di risparmiare spazio: le medicine vanno trasportate nella loro confezione originale con tanto di foglietto  illustrativo, per essere subito riconoscibili ai controlli. Altrimenti? Verranno impietosamente gettate via.

Farmaci alla dogana

Quando si hanno farmaci e iniezioni nel bagaglio a mano è bene portare con sé un certificato medico che attesti l’esigenza di assumerli. Vi ricordate la scena delle medicine “per la capra” nel film The Terminal? Ecco.

Farmaci smarriti in viaggio

Oh sì, a chi non è mai successo? Andate di fretta, bisogna essere impeccabili per prendere una qualsiasi coincidenza e arrivare al binario esatto senza aver perso neanche un minuto di troppo. Nel via vai, qualcosa va sempre perduto. È una regola. Bel problema se si tratta di medicine, vero? Per non parlare di quando è l’intero bagaglio ad andar perduto!

Malesseri tipici del viaggiatore

Volendo dire le cose esattamente per come stanno, a meno che non si stia seguendo una terapia specifica per la quale necessitiamo di portare in valigia le giuste medicine, i mali in cui si va incontro viaggiando sono lievi e perfettamente curabili al nostro arrivo.

I malesseri più comuni in cui un viaggiatore può incorrere sono la febbre, il mal d’aria, che rischia di rendere la nostra permanenza in cabina decisamente fastidiosa, o i problemi intestinali, sempre in agguato per chi viaggia verso le calde mete al di fuori del nostro continente. Abbiamo poi le nausee e l’acidità, spesso risultato di alternative diete da turista.

Come rimediarvi? Con semplici farmaci da banco.

– antinausea
– antinfiammatori
– antipiretici/analgesici
– antidiarroici
– fermenti lattici in caso di dissenteria
– antiacidi
– integratore di sali minerali

Detto ciò, a meno che non vogliate viaggiare con dietro un’intera farmacia ambulante, vi suggeriamo di portare con voi solo Pharmawizard. 

I vantaggi di portare Pharmawizard in viaggio

A chi non è già successo di volere un’Aspirina e non sapere come la chiamano ad Antananarivo? Provate a chiedere il principio attivo. Non lo conoscete? Consultate Pharmawizard!

Con Pharmawizard potete controllare in ogni momento, ovunque voi siate – in treno, in aereo, presso qualsiasi farmacia di turno – il principio attivo del farmaco che assumereste in Italia e acquistarne uno equivalente all’estero, consultarne le interazioni, verificare le indicazioni del bugiardino.

Il vostro kit da viaggio diventerà così leggerissimo!

Autore

Pharmawizard 286 posts

Pharmawizard è il servizio digitale gratuito - app e desktop - che risolve il problema della ricerca di informazioni affidabili sui farmaci. Con Pharmawizard è possibile avere sempre a portata di mano la soluzione intelligente per gestire al meglio i propri farmaci e tutelare la propria salute.

Lascia il tuo commento

You might also like