La cannabis senza pregiudizi potrebbe cambiare la vita di milioni di malati

La cannabis senza pregiudizi potrebbe cambiare la vita di milioni di malati

Quante volte sentiamo dire che l’uso della cannabis porta a diventare asociali, e che sono più gli effetti negativi che quelli positivi?

Questi pregiudizi sono stati sgonfiati da un nuovo e ampio rapporto della National Academies of Sciences, Engineering, and Medicine (NAS) nel quale si fa chiarezza su benefici e rischi della cannabis.

Sono stati analizzati ben 10.700 report provenienti dalle banche dati di Medline, Embase, the Cochrane Database of Systematic Reviews e PsycINFO, pubblicati fra il 1999 e il 2016.  Sedici esperti (neurologi, epidemiologi, oncologi, psichiatri) hanno stilato 100 conclusioni e hanno suddiviso i risultati secondo parametri di intensità/forza scientifica delle prove:

Conclusive e sostanziali: certezza o quasi certezza

Moderate: diverse prove di conferma ma senza il grado di certezza

Limitate: vi sono prove contrastanti che non permettono una certezza senza un ulteriore ricerca

Insufficienti: studi e condizioni insufficienti per la ricerca

 

Ecco come la cannabis cambierebbe la vita a milioni di ammalati

Risultati SOSTANZIALI

Ci sono evidenze sostanziali che cannabis e derivati siano utili:

  • nel lenire il dolore cronico(correlato alle malattie del cancro e a patologie della colonna vertebrale)
  • riduzione della nausea e del vomito da chemioterapia
  • riduzione degli spasmi nei pazienti con sclerosi multipla

Questi sopraelencati sono terapie che potrebbero già da domani cambiare l’esistenza a milioni (se non miliardi) di vite, eppure si continua a classificare la cannabis come un vizio e niente più.

La notte degli ammalati tornerebbe a essere dignitosa

Risultati MODERATI

Sono state classificate come moderate le prove raccolte sugli effetti benefici della cannabis per migliorare nel breve termine i disturbi del sonno associati con

  • Fibromialgia
  • Dolore cronico
  • Sclerosi multipla

Pharmawizard App

Miracolo? No grazie!  Serve solo più libertà alla ricerca

Questi ultimi due parametri che seguono,  hanno in potenza l’effetto di un miracolo per i pazienti interessati. Ma per poter arrivare a confermare quelli che per ora sono solo prove limitate o insufficienti, la ricerca deve avere la mani libere dalle catene delle restrizioni degli Stati e dai pregiudizi.

Risultati LIMITATI

Esistono evidenze limitate della loro efficacia nel:

  • miglioramento dell’ appetito in pazienti con HIV/AIDS,
  • miglioramento degli stati d’ansia e i disordini ad essa collegati
  • miglioramento degli outcome dopo emorragia cerebrale e trauma cranico
  • miglioramento dei sintomi collegati alla demenza
  • miglioramento della pressione intraoculare associata a glaucoma

Risultati INSUFFICIENTI

Sono insufficienti i risultati riguardo l’uso di cannabis:

È importante ricordare che esiste un aumento del rischio cardiovascolare e respiratorio per chi ne fa uso,(prove limitate) ma è anche vero che le controindicazioni vi sono in ogni farmaco quando si assume in modo eccessivo. E molto spesso l’utilizzo terapeutico è previsto in forma orale e non attraverso il fumo, riducendo di molto i rischi connessi.

Autore

Pharmawizard 278 posts

Pharmawizard è il servizio digitale gratuito - app e desktop - che risolve il problema della ricerca di informazioni affidabili sui farmaci. Con Pharmawizard è possibile avere sempre a portata di mano la soluzione intelligente per gestire al meglio i propri farmaci e tutelare la propria salute.

Lascia il tuo commento

You might also like