Arriva la Ricetta Elettronica, forse

Arriva la Ricetta Elettronica, forse

A marzo la ricetta elettronica potrebbe diventare realtà a livello nazionale. Il condizionale è d’obbligo visto che la ricetta elettronica, o, come è più nota negli ambienti istituzionali, la “ricetta dematerializzata”, fece il suo primo timido capolino legislativo nel remoto 2003.

La Ricetta Elettronica

Il concetto di base  molto semplice: l’attuale ricetta-ticket rosa sarà sostituito con un sistema di trasmissione elettronico – anche se qualcuno si ostina a dire “telmatico” -, cioè non più basato sulla presentazione della ricetta cartacea. In altre parole oggi, recandoci dal medico, anziché ricevere una ricetta, riceveremo dal medico solo un promemoria – di carta! – con cui potremmo recarci in qualsiasi farmacia. In farmacia non ci sarà bisogno di consegnare alcun foglio, ma sarà sufficiente mostrare la propria tessera sanitaria, cioè il proprio Codice Fiscale, per recuperare l’NRE – Numero Ricetta Elettronica a cui è associata la propria prescrizione.

La ricetta elettronica in questo modo renderebbe molto più efficiente ogni tipo di rendicontazione fiscale, sia dal lato del paziente, sia dal lato del farmacista, del medico e in generale del Sistema Sanitario Nazionale.

Le criticità

Dopo una prima fase di “test” in cui alcune (poche) regioni hanno iniziato il loro processo di informatizzazione del processo, a marzo secondo quanto dichiarato nell’ultimo incontro tra Sogei – la Società Generale di Informatica del Ministero dell’Economia – e Federfarma, si comincia la con la prima fase a livello nazionale.

Questa repentina, ma non rapida, trasformazione del mondo della rendicontazione sanitaria ha comunque generato alcune polemiche e perplessità da parte della Regioni, i soggetti primariamente coinvolti nel passaggio alla ricetta elettronica. È infatti al livello regionale che vengono determinate tariffe, esenzioni fiscali relativi ai ticket sanitari e sono sempre le regioni ad assicurarsi che sul territorio tutti gli operatori coinvolti – medici di base in primis – vengano correttamente equipaggiati ed informati sulle nuove procedure.

Da marzo, secondo Sogei e Fedefarma, si darà il via alla fase nazionale: la tariffazione dei ticket rispetto alla regione di residenza del paziente. In altre parole, sino marzo se un paziente residente in Lombardia acquista un un medicinale in un farmacia abruzzese tramite ricetta elettronica, il  prezzo del ticket equivarrà al prezzo stabilito dalla Regione Abruzzo. Da marzo in poi questa limitazione non dovrebbe rappresentare più un problema.

Il Futuro

Pharmawizard sa bene che la ricetta elettronica è una grande opportunità per migliorare il rapporto tra paziente e farmacista, gestire senza ansie da scontrino la spesa sanitaria individuale e, in un prospettiva più ampia, migliorare il la vita delle persone. Per questo stiamo lavorando intensamente per presentare ai nostri utenti, importanti novità.

Il Futuro sta arrivando.

Autore

Pharmawizard 292 posts

Pharmawizard è il servizio digitale gratuito - app e desktop - che risolve il problema della ricerca di informazioni affidabili sui farmaci. Con Pharmawizard è possibile avere sempre a portata di mano la soluzione intelligente per gestire al meglio i propri farmaci e tutelare la propria salute.

3 Comments
  1. Anonimo
    febbraio 09, 12:13 Reply
    molto lentamente, ma speriamo di farcela.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like