Come leggere correttamente l’INCI sulle etichette dei cosmetici

Come leggere correttamente l’INCI sulle etichette dei cosmetici

Al momento dell’acquisto di un prodotto cosmetico, molto spesso, ci troviamo di fronte alla scelta di preferire una marca piuttosto che un’altra. Questo perché i più attenti, leggendo attentamente l’etichetta,  tendono a scegliere prodotti che presentano una composizione rispettosa dell’ambiente e più indicata alla caratteristiche della propria pelle.

Ma come si fa a scegliere il prodotto cosmetico più adatto a noi?

La risposta è molto semplice e consiste nell’imparare a leggere e decifrare correttamente l’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), ossia la nomenclatura utilizzata a livello internazionale per identificare gli ingredienti presenti in un determinato prodotto.

Leggere correttamente l’INCI

Valutate l’ordine degli ingredienti

L’ordine con il quale vengono presentati in etichetta gli ingredienti è molto importante perché definisce uno dopo l’altro le sostanze presenti in quantità maggiore nel prodotto. Gli altri ingredienti vengono presentati in ordine decrescente.

Prestate attenzione al linguaggio e alla nomenclatura

Se le sostanze vengono indicate in etichetta mantenendo il loro nome latino, vuol dire che esse non hanno subito modificazioni chimiche. E’ il caso degli oli vegetali utilizzati puri, come ad esempio l’olio di mandorle dolci.

Riconoscete i coloranti artificiali

Gli altri ingredienti non naturali ma frutto di una sintesi chimica, presentano denominazioni in lingua inglese o codici numerici solitamente verso la fine dell’elenco degli ingredienti presenti in etichetta. Questi identificano i coloranti artificiali seguendo la lista internazionale definita “Color Index”, che prevede la presenza della sigla “CI” seguita da una serie numerica composta da 5 cifre.

Solitamente il primo ingrediente che compare è l’acqua seguita da ingredienti con funzione di tensioattivi e in seguito da emulsionanti, conservanti ed estratti naturali, profumazioni e coloranti.

Prestate attenzione ai tensioattivi

I tensioattivi come il Sodium laureth sulfate, il Sodium lauryl sulfate e l’Ammonium lauryl sulfate, poiché di derivazione petrolchimica,  ultimamente tendono ad essere sostituiti da tensioattivi di origine naturale o vegetale.

Quali sono gli ingredienti da evitare?

Gli ingredienti presenti nei cosmetici sono innumerevoli ma, prestando attenzione al momento dell’acquisto, potrete evitare di incorrere in reazioni allergiche salvaguardando l’ambiente.

Evitate l’acquisto di prodotti contenenti: tensioattivi derivanti dalla raffinazione del petrolio ed altri ingredienti derivanti da esso, ingredienti altamente inquinanti (EDTA, MEA, TEA, MIPA) o altamente allergizzanti, prodotti composti da siliconi o paraffina.

Autore

BuongiornoDottore 5 posts

BuongiornoDottore è la prima Community gratuita dedicata alle informazioni mediche online dove puoi visualizzare video-corsi e apprendere consigli medici direttamente da professionisti del settore. Su BuongiornoDottore c’è tutto ciò che ti serve per aumentare la tua conoscenza in ambito medico-sanitario.

You might also like