L’«intesa illecita» tra Roche e Novartis

L’«intesa illecita» tra Roche e Novartis

L’Avastin e il Lucentis sono due colliri, ugualmente validi secondo il parare dei medici. Il primo è prodotto da Roche, il secondo da Novartis. Avastin, è stato sviluppato per diverse terapie e si è dimostrato efficace anche nelle cure oftalmiche, ma il Lucentis è molto più caro e questo gli conferisce una marcia in più. Perché? L’Antitrust sta indagando su un costoso accordo tra Roche e Novartis; le due importanti case farmaceutiche sarebbero concorrenti solo in apparenza e il loro patto sembra mirare al sabotaggio del collirio meno costoso, da 15 euro, per imporre il più caro, da ben 1400, facendo così lievitare i costi per il servizio sanitario nazionale. Ma cosa ci guadagna Roche? Entrambi i farmaci sono brevetto di Genertech, controllata da Roche che perciò ne percepisce le royalties. Inoltre, Novartis ha una forte presenza azionaria in Roche, fatto che rende la protezione delle vendite del Lucentis fruttuosa per entrambe le case. La manovra ha previsto anche il coinvolgimento di consulenti e pazienti pagati per screditare l’Avastin.
L’Antitrust ha ipotizzato un’«intesa illecita» anche tra Novartis e Italfarmaco nelle gare per medicinali antitumorali tra il 2010 e il 2013. Il tutto a danno dei cittadini.

Potrebbero interessarti anche:
Ipocondria: i farmaci che usiamo ci servono davvero?
Con i social network  la salute è online!
Farmaci equivalenti, per conoscerli meglio

Autore

Pharmawizard 286 posts

Pharmawizard è il servizio digitale gratuito - app e desktop - che risolve il problema della ricerca di informazioni affidabili sui farmaci. Con Pharmawizard è possibile avere sempre a portata di mano la soluzione intelligente per gestire al meglio i propri farmaci e tutelare la propria salute.

Lascia il tuo commento

You might also like