Mal di testa, le tipologie e i rimedi naturali

Mal di testa, le tipologie e i rimedi naturali

Mal di testa: chi non ha sofferto almeno una volta nella vita? Nonostante sia un disturbo molto frequente (ne soffre un italiano su cinque!), il mal di testa è però spesso sottovalutato e affrontato con l’abuso di farmaci. Secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità il mal di testa è tra le prime 20 problematiche sanitarie in grado di peggiorare sensibilmente la qualità della vita, ed è considerata la settima malattia più disabilitante, paragonabile, per il dolore che provoca, a un infarto o a una colica renale. La crisi dolorosa può essere talmente intensa da spingere il soggetto a isolarsi al buio e in silenzio.

Non tutti sanno che esistono circa 200 tipi diversi di mal di testa. Per curare efficacemente un mal di testa è indispensabile innanzitutto una diagnosi specifica della tipologia, al fine di intervenire in modo corretto con approcci terapeutici mirati.

Le forme più diffuse sono:

  • Emicrania

È una delle forme più comuni, suddivisa in 2 tipi: senza aura (85% dei casi) e con aura (10-15% dei casi). L’emicrania è più diffusa fra le donne, in età pre-puberale e dopo i 50 anni. L’emicrania “con aura” è preceduta da sintomi transitori che annunciano l’attacco, di solito di durata breve, da 5 minuti a circa un’ora: disturbi visivi (annebbiamento della vista), formicolio di un braccio e/o di metà del viso, difficoltà di concentrazione e nel trovare le parole.

  • Cefalea di tipo tensivo

Si presenta con dei dolori simili a forti pressioni e pulsazioni su tutta la testa (il famoso cerchio) che possono durare anche per diversi giorni colpendo in particolare giovani o adulti che passano tante ore seduti male, a studiare o lavorare concentrati su libri e monitor.

  • Cefalea a grappolo

Una delle forme più dolorose, paragonata solitamente alle coliche renali o al parto. Colpisce maggiormente gli uomini, soprattutto tra i 20 e i 30 anni. Ogni attacco può durare ore e spesso gli attacchi sono numerosi all’interno di una giornata.

  • Cefalea primaria trafittiva

La sensazione è quella di una fitta brevissima che prende una parte delle testa compresa tra occhio e tempia. Si tratta di una cefalea benigna, un tempo chiamata cefalea a colpo di piccone. La durata solitamente è brevissima, le fitte si percepiscono per pochi secondi. Non lascia strascichi.

La forma più frequente e più invalidante è l’emicrania: 7,2 milioni di italiani ne soffrono, quindi ben il 12% della popolazione. La prevalenza dell’emicrania nella donna è estremamente più elevata che nell’uomo. La percentuale media italiana delle donne che soffre di emicrania è il 18%, contro solo il 6% degli uomini. Probabilmente questa prevalenza può avere una spiegazione nel fatto che tutte le fluttuazioni degli ormoni sessuali modulano l’emicrania. Quindi determinano l’emicrania le mestruazioni, la pillola,  la gravidanza.

Ma quali sono i fattori che possono provocare l’insorgere di mal di testa?

L’ereditarietà è considerata uno dei principali fattori predisponenti del mal di testa. Lo stress, sia emotivo che fisico, rappresenta un altro dei più importanti fattori scatenanti. Anche abitudini alimentari scorrette, come bere troppo vino rosso o mangiare troppi insaccati, possono favorire gli attacchi di emicrania. A questi fattori si possono aggiungere: fattori ormonali; fattori ambientali, come il cambiamento di stagione; sforzi fisici eccessivi; assunzione di determinati farmaci.

I rimedi naturali per il mal di testa

Per curare o alleviare il mal di testa, le soluzioni farmacologiche sono molteplici, ma ancora più numerose sono le possibili soluzioni “alternative”. Ecco quali sono i principali rimedi naturali:

  • Agopuntura. Uno studio della Duke University indica che l’agopuntura può essere molto efficace nelle cefalee tensive. Anche i massaggi (in particolare i massaggi cranio-sacrali) hanno un effetto rilassante sui muscoli di schiena e collo, alleviano la tensione e quindi “sciolgono” il mal di testa.
  • Aromaterapia. Arancia, citronella, eucalipto, lavanda, menta piperita, sandalo sono solo alcuni dei tanti odori che l’aromaterapia utilizza nella lotta all’emicrania. Tali profumi sono utilizzabili sia sotto forma di oli essenziali, sia sotto forma di candele e saponi.
  • Si tratta dell’applicazione del freddo, mediante il ghiaccio, che dovrebbe essere appoggiato sulla testa per circa 10 minuti. Il tutto dovrebbe decongestionare rapidamente.
  • Fitoterapia. Nella cura del mal di testa, la fitoterapia impiega tisane, tinture madri o estratti secchi di erbe e piante officinali con:
  • proprietà antinfiammatoria e analgesica, come l’Artiglio del diavolo, il Salice e la Spirea ulmaria;
  • azione antispasmodica e calmante sulla muscolatura, come melissa, passiflora e partenio;
  • azione equilibrante sul sistema ormonale femminile, come l’agnocasto.
  • L’omeopatia ci fornisce una serie di trattamenti specifici, ad esempio:
  • Arsenicum album, consigliato soprattutto per le cefalee derivanti da stress;
  • Cimicifuga e Pulsatilla, entrambi consigliate per il mal di testa derivante da sbalzi ormonali;
  • Ignatia amara, per problemi causati da spasmi alla testa o alla schiena;
  • Nux vomica, uno dei migliori rimedi per il mal di testa da abuso di alcool o da indigestione;
  • Spigelia, utile per la cefalea a grappolo che interessa la zona del viso e degli occhi;
  • Belladonna, per una forte cefalea pulsante accompagnata da ipersensibilità al cuoio capelluto.
  • Fiori di Bach. Rappresentano una terapia dolce e naturale, per riequilibrare lo specifico stato emotivo alterato che provoca il mal di testa, in virtù del fatto che la psiche gioca un ruolo di primaria importanza nell’insorgenza di questo disturbo. Uno fra i preparati più utilizzati è il Rescue Remedy, utile per far fronte ad attacchi di ansia o altre situazioni di emergenza in cui si chiede al corpo di “reggere botta”.

Infine può essere utile: assumere caffeina, il caffè, infatti, ha un potere vasocostrittore, cioè restringe i vasi sanguigni ed ha quindi un effetto lievemente analgesico; fare un bagno caldo, facendo arrivare l’acqua direttamente sulla nuca ed aiutando così ad allentare la tensione muscolare; rispettare l’assoluto riposo, stando sdraiati al buio e liberando la mente da qualsiasi preoccupazione.

Per saperne di più http://www.vediamocichiara.it

Cristina Caramma

Autore

VediamociChiara 48 posts

VediamociChiara è il blog dedicato alle donne che vogliono saperene di più sulla salute propria e di tutta la famiglia. I temi trattati sono vari: contraccezione, età fertile, perimenopausa, cure per l’infertilità, pillola del giorno dopo, nutraceutici, farmaci di nuova generazione, terapie per la cura dell’acne o della sindrome dell’ovaio policistico, iniziative benefiche come la Race for the Cure di Komen Italia.

Lascia il tuo commento

You might also like