Parto in casa: come funziona?

Parto in casa: come funziona?

Partorire a casa è sicuro. Più che in ospedale. Questi sono i dati che emergono dagli studi scientifici di tutto il mondo. E non è una sorpresa, dato che i vantaggi che questa pratica comporta sono davvero tanti, sia per la mamma che per il bambino!

La situazione in Italia

In Italia è possibile partorire a casa (o in casa maternità, una struttura simile a un’abitazione gestita solamente da ostetriche) con l’assistenza delle ostetriche libere professioniste, alcune Regioni prevedono anche un parziale rimborso alle coppie che scelgono questo percorso. Ma cosa prevede questa strada?

L’assistenza dell’ostetrica

Solitamente la coppia si rivolge ad un’ostetrica che assiste la gravidanza (se fisiologica, ovviamente) con regolari controlli, valutando scrupolosamente il benessere materno-fetale. Quindi non si parla solo di esami ed ecografie, di numeri e tabelle, ma anche e soprattutto del risvolto emotivo dell’attesa, delle paure, dei dubbi, dei desideri e delle aspettative della coppia per questo momento così importante. L’ostetrica è accanto alla coppia come professionista e come confidente, la accompagna attraverso un rapporto di fiducia ed empatia, fondamentale per ottenere esiti positivi.

Il momento del parto

Quando la gravidanza arriva a termine, il parto in casa è programmabile, l’ostetrica inizia la sua reperibilità 24/7 assieme ad una collega (per il parto le ostetriche devono essere due), pronta a recarsi al domicilio della famiglia per il travaglio. In qualsiasi momento, se se ne valuta la necessità, le ostetriche possono predisporre il trasferimento in ospedale per espletare la nascita, accompagnando i genitori e restando con loro per tutto il tempo necessario. Se invece il parto avverrà a casa, l’ostetrica ha con se tutto il necessario per accogliere il neonato nel miglior modo possibile, favorendo la naturalità dell’evento e assecondando i bisogni fisici ed emotivi della mamma. Quando la famiglia sarà serena, con il piccolo tra le braccia, l’ostetrica può iniziare a sorvegliare sul puerperio, restando così un punto di riferimento importante.

Autore

Beatrice Danzi 2 posts

Sono Beatrice, giovane ostetrica con un importante obiettivo: accompagnare le donne di ogni età nei loro percorsi di salute e di vita. Sono specializzata nella riabilitazione del pavimento pelvico, ma mi occupo comunque del benessere femminile dall’adolescenza alla menopausa, passando ovviamente per la maternità

Lascia il tuo commento

You might also like