Piercing e salute orale

Piercing e salute orale

Il piercing è una pratica molto antica in un gran numero di culture.

Attualmente l’uso di questa pratica è un segno di identità  e di moda per molte persone.

Piercing e rischi

La Accademia Dentale Americana, ADA,  ha espresso un giudizio negativo verso questa pratica ,soprattutto per gli inserti nella lingua, labbra e bocca,  per i rischi a cui espone tutti i tessuti parodontali.

L’incremento della popolazione che utilizza  piercings, ha provocato un aumento delle valutazioni odontoiatriche in questi pazienti,  poiche’ questa pratica può comportare complicazioni odontostomatologiche.

Alterazioni causate dai Piercing orali

  • Recessioni gengivali (ci sono differenti tipi di recessioni gengivali in base alla collocazione del piercing. Un piercing linguale può provocare recessioni sulla superficie linguale o palatale degli incisivi inferiori e superiori. Un piercing collocato sul labbro inferiore causera’  delle recessioni nella superficie vestibolare degli incisivi inferiori. Queste recessioni appaiono tra i primi sei mesi e dodici anni dalla collocazione del piercing.)
  • Infezioni ( se non si attuano le misure igieniche adeguate e non si lavora in un ambiente sterile, possono prodursi infezioni locali che possono anche diventare sistemiche).
  • Traumatismi ( i piercing hanno un alto rischio di agganciarsi e danneggiare i tessuti molli delle labbra e della lingua)
  • Cicatrici cheloidi ( sono cicatrici ipertrofiche),
  • Ipersalivazione( la presenza di un corpo estraneo nel cavo orale può provocare un aumento della salivazione che può risultare fastidiosa al soggetto),
  • Fratture smalto-dentinali ( avvengono con l’abitudine di spingere il piercing labiale o linguale, contro i denti provocando piccole fratture dello smalto dando luogo ad ipersensibilità dentale).

Consigli al Paziente

  • Igiene si deve pulire il piercing accuratamente soprattutto dopo i pasti e dopo il fumo di sigaretta;
  • Evitare di toccare ripetutamente il piercing, finchè non si sia cicatrizzata totalmente la ferita;
  • Utilizzare un collutorio con Clorexidina, come antisettico;
  • Evitare il consumo di tabacco, alcol e alimenti grassi, per accelerare i processi di guarigione.

Se si apprezza una alterazione , infiammazione o dolore nella zona ove è posizionato il piercing, questo và rimosso, successivamente si deve eseguire una  valutazione  odontoiatrica ¸inoltre si deve  utilizzare un gel bioadesivo alla clorexidina o un antinfiammatorio sistemico. Se l’infezione è maggiore si indicherà una terapia antibiotica  mirata.

Scrivi ad Antonino: a.corpaci@pharmawizard.it

 

Autore

Antonino Corpaci 8 posts

Medico chirurgo odontoiatra e specialista in chirurgia odontostomatologica ed implantologia orale. Oggi il dottor Corpaci, grazie alle proprie capacità professionali ed alla passione per il suo lavoro, è anche manager di diversi studi odontoiatrici della capitale.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like