Proteggersi dal sole: come fare, perché farlo e quando iniziare

Proteggersi dal sole: come fare, perché farlo e quando iniziare

È quasi tempo di vacanze, di giornate rilassanti, frutta fresca e bagni di raggi UV. Insomma, è il momento giusto per parlare di come proteggersi dal sole, in spiaggia ma anche a tavola.

Perché bisogna proteggersi dal sole?

L’esposizione ai raggi ultravioletti è un noto fattore di rischio per lo sviluppo sia del melanoma che di altre forme di tumore. Ma l’azione del sole rappresenta anche un pericolo per scottature ed eritemi, che possono danneggiare in modo permanente la pelle e causare alterazioni precancerose, senza tralasciare l’insorgenza prematura di rughe e di altri segni di invecchiamento cutaneo. Questo perché gli UV sono le radiazioni più ricche di energia e quindi le più attive biologicamente.

Che cos’è l’abbronzatura?

L’abbronzatura è una cosa che ci piace tanto e ci fa sembrare più belli, alla quale ambiamo fortemente durante tutto il periodo estivo, ma che in realtà è un biomeccanismo di difesa del nostro organismo. È una reazione della cute alla radiazione solare ma, come sappiamo, non costituisce uno scudo insuperabile.

Come funzionano le creme solari?

Le creme solari o filtri solari assorbono o riflettono i raggi UV. I principi attivi contenuti neifiltri solari “chimici” (salicilaticinnamatioxybenzoneoctylcrylene e altri), sono in grado di assorbire la luce UV. In commercio si trovano alcuni filtri chimici che garantiscono una copertura completa dello spettro ultravioletto (tutte le radiazioni solari: UVB, UVA corti e UVA lunghi)

Invece, il biossido di titanio e l’ossido di zinco, sono sostanze minerali inerti e dal forte potere coprente, che riflettono fisicamente la luce del sole e che per questo rientrano tra i cosiddetti schermi fisici. Seppur le formulazioni più recenti non lascino tracce bianche sul corpo, si tratta comunque di soluzioni molto dense, perciò spesso scelte per la protezione della pelle dei bambini.

A questi filtri, solitamente vengono aggiunti degli eccipienti, i quali determinano le caratteristiche di consistenza, resistenza all’acqua e alla sudorazione, facilità di applicazione, rapidità di assorbimento, permanenza del prodotto sulla pelle, eccetera.

Come proteggersi dal sole?

È sufficiente osservare poche semplici regole, sia in spiaggia che a tavola.

– Scegliere correttamente il filtro solare, in base alle caratteristiche della propria pelle (si parla di fototipo). La scelta del corretto livello di protezione è da concordarsi con il parere di un medico dermatologo.

– Applicate la protezione almeno 20 minuti prima di mettervi al sole e premurarsi di riapplicarla anche ogni 2/3 ore.

– Prendere il sole gradualmente,  evitando le ore più calde (si stima che circa il 50% dei raggi ultravioletti raggiunga la Terra tra le ore 11.00 e le ore 15.00).Tener presente che il primo giorno di mare è quello più a rischio, la pelle è impreparata all’esposizione al sole.

– Fare molta attenzione alla pelle dei bambini. È dimostrato che l’esposizione violenta ai raggi UV (dunque con scottature) in età pediatrica è uno dei maggiori fattori di rischio per l’insorgenza di tumore della pelle in età adulta.

– Proteggersi anche all’ombra e in acqua. All’ombra si assorbono fino al 50% di tutti i raggi ultravioletti e in acqua ne penetra oltre il 95%.

– Indossare occhiali da sole adeguati. Anche gli occhi possono venir fortemente danneggiati dai raggi solari.

– Non affidatevi al meteo! Se il cielo è nuvoloso, rischiate di scottarvi lo stesso. Quindi mano alle creme e non trascuratevi.

– Non esponetevi al sole se avete messo del profumo o state seguendo particolari terapie farmacologiche. Meglio chiedere consiglio prima al proprio medico.

– Fate attenzione al caldo e al sole anche a tavola. È bene idratarsi, bevendo almeno due litri di acqua al giorno. Una dieta ricca di frutta e verdura di stagione aiuta a prevenire i danni dei raggi ultravioletti e a ripararli.  Dopo un’esposizione al sole è bene introdurre degli antiossidanti naturali, primo tra tutti l’uva, che matura proprio ad estate inoltrata, quando la pelle ne ha più bisogno. E poi: pomodori, albicocche, meloni, pesche, tutti ricchi di betacarotene, che aumenta la naturale protezione della pelle.

Detto questo, siete pronti per l’estate?!

Potrebbero interessarti anche:
Combattere le zanzare: 10 rimedi per l’estate
Rimedi contro la cellulite: i farmaci biologici
Rimedi naturali contro la cellulite

Autore

Pharmawizard 285 posts

Pharmawizard è il servizio digitale gratuito - app e desktop - che risolve il problema della ricerca di informazioni affidabili sui farmaci. Con Pharmawizard è possibile avere sempre a portata di mano la soluzione intelligente per gestire al meglio i propri farmaci e tutelare la propria salute.

2 Comments

Lascia il tuo commento

You might also like