Red Ronnie shock: “Demenziale vaccinare i bambini!”

Red Ronnie shock: “Demenziale vaccinare i bambini!”

“Vi fareste mai operare al cervello da un archeologo?”

È questa la domanda che Mario Calabresi qualche tempo fa rivolgeva ai suoi lettori in un articolo – Il coraggio di fidarsi dei competenti – scritto per invitare ad una riflessione sul caso stamina e mostrare sagacemente come la speranza spesso giochi brutti scherzi alla ragione.

Dopo le recenti dichiarazioni di Red Ronnie sui vaccini, ospite del talk show di Rai 2 “Virus” (ironia delle coincidenze) sarebbe proprio il caso di dire:

Vi fareste mai dare delle indicazioni sulle vaccinazioni da un critico musicale?

Red Ronnie presunto immunologo

Il vero cortocircuito mediatico – cioè il meccanismo che da una “non-notizia” crea una notizia più dannosa che utile – ha origine dalla scelta di intervistare un critico musicale su una materia a lui estranea, su cui sarebbe più corretto dare più spazio al parere qualificato di un medico, come il dottor Roberto Burioni dell’Università Vita San Raffaele, anch’egli ospite della trasmissione.

Burioni sulla sua pagina Facebook ha poi commentato in appendice quanto accaduto durante la puntata del programma condotto da Nicola Porro:

“Ieri sera, come alcuni di voi hanno potuto vedere, sono stato invitato alla trasmissione “Virus” di Rai2, che parlava di vaccini. La mia voce doveva essere quella dell’esperto che doveva riportare quella che è la verità scientifica.

In realtà la trasmissione ha preso una piega davvero pessima. Uno degli ospiti era il padre di un bambino autistico, un imprenditore, che ha affermato che l’autismo di suo figlio dipende dai vaccini. Pur rispettando il dolore di questo genitore, quello che ha detto è semplicemente falso.

La parola è quindi passata, per lungo tempo, ad un DJ in lieve disuso, Red Ronnie. Costui si è prodotto in uno sproloquio senza senso, mescolando vaccini, terapia Stamina, morti bianche (?), l’inefficacia del vaccino contro il vaiolo (qualcuno gli ha detto che grazie al vaccino il vaiolo è sparito?), pericolosità del mercurio (che non c’è più nei vaccini) e concludendo con l’affermazione che uno stile di vita sano, insieme all’allattamento materno, PREVENISCE (sic) le malattie.”

Perché sono affermazioni gravi

Sebbene sia chiaro a tutti che Red Ronnie non sia la persona più adatta per parlare di Sanità Pubblica (come Robert De Niro, d’altronde), il suo in intervento, la sua opinione priva di qualsiasi riscontro scientifico, ma è anche e soprattutto dannosa.

Questo perché il “Dj in lieve disuso”, per dirla alla Burioni, con le sue affermazioni è andato ad alimentare un coacervo di opinioni e pregiudizi che nel nostro Paese non fanno mai fatica ad attecchire, tipo: i vaccini sono dannosi perché provocano l’autismo; non sono sicuri; servono solo a far arricchire le case farmaceutiche, ecc.

Opinioni che non tengono affatto conto che solo nel nostro Paese negli ultimi 20 anni, cioè dall’introduzione delle campagne vaccinali obbligatorie, malattie come la parotite (orecchioni) e la poliomielite sono praticamente scomparse!

Fare della propaganda anti vaccinazioni non è solo un gesto di inqualificabile ignoranza, ma è anche un atto insidioso, che induce a pensare che far vaccinare i propri figli sia solo un questione privata, ma non è così. La tenuta del “sistema” delle vaccinazioni dipende dal livello immunologico raggiunto dalla  popolazione e non dal singolo.

Se il virus non è in grado si diffondersi e svilupparsi, non è nemmeno in grado di evolversi e così progressivamente si estingue.

Vaccinarsi è un dovere, un atto di responsabilità sociale.

Per questo, noi di Pharmawizard, ci auspichiamo che Red Ronnie, da buon Dj, decida di cambiare subito disco.

Autore

Pharmawizard 286 posts

Pharmawizard è il servizio digitale gratuito - app e desktop - che risolve il problema della ricerca di informazioni affidabili sui farmaci. Con Pharmawizard è possibile avere sempre a portata di mano la soluzione intelligente per gestire al meglio i propri farmaci e tutelare la propria salute.

4 Comments
  1. Anonimo
    maggio 17, 11:05 Reply
    Molto meglio essere "antifrenisti": http://medbunker.blogspot.ae/2015/02/io-antifrenista.html
    • Pharmawizard
      maggio 18, 22:14
      Anche essere degli "antifrenisti" può essere pericoloso per la salute :)
  2. Anonimo
    maggio 18, 22:06 Reply
    E' demenziale affermare scemenze da una posizione che può facilmente influenzare tanta gente.
    • Pharmawizard
      maggio 18, 22:19
      Esatto. Un personaggio pubblico, specialmente quando parla in TV, dovrebbe sempre tenere presente che le sue parole possono influenzare le persone che ascoltano. E' una questione di responsabilità

Lascia il tuo commento

You might also like