Ricetta medica rossa, addio! Benvenuta ricetta elettronica

Ricetta medica rossa, addio! Benvenuta ricetta elettronica

La ricetta medica rossa, quella tradizionale di carta, sta per essere sostituita con la ricetta elettronica. Si parte dalle prescrizioni farmaceutiche.

Ricetta elettronica, dove?

Prima a Empoli, a partire da oggi, 16 giugno. Poi, entro la fine del 2014, in tutta la Toscana, il medico non compilerà più la ricetta di carta ma consegnerà al paziente un foglietto con un codice, che a sua volta il paziente darà al farmacista. Sul foglietto figurerà anche il codice relativo alla fascia economica di appartenenza, necessario per la determinazione del ticket aggiuntivo.

“La prescrizione elettronica – spiega l’assessore regionale al diritto alla salute Luigi Marroni – migliorerà notevolmente la qualità dell’assistenza sanitaria e l’efficienza dei servizi, aumentando l’appropriatezza, il collegamento tra i professionisti, contribuendo a diminuire gli errori medici, e aiutando a monitorare i costi”.

Come funziona la ricetta elettronica

Con questo nuovo sistema elettronico, non sarà più possibile effettuare l’autocertificazione della propria fascia economica di appartenenza sulla singola ricetta al momento della fruizione della prestazione specialistica o in farmacia. Sarà ora compito esclusivo  del medico prescrittore analizzare la posizione economica del paziente, aiutandosi con il software di prescrizione elettronica che interroga le banche dati del Mef e dell’Inps. Se nelle banche dati non dovesse esservi alcuna informazione, oppure nel caso in cui la fascia economica riportata fosse errata, il cittadino sarà tenuto a presentare idonea autocertificazione con validità annuale.

Ricetta medica rossa, è proprio un addio?

Non ancora. La ricetta medica rossa, infatti, non scompare del tutto. Per il momento, continua ad essere utilizzata per le prescrizioni diagnostiche e specialistiche e anche in caso di prescrizioni farmaceutiche, se il medico prescrittore si dovesse trovare sprovvisto di collegamento telematico (ad esempio, durante le visite a domicilio).

In tutte le Asl, nelle farmacie, negli studi dei medici di famiglia, saranno affisse locandine per informare in maniera corretta e uniforme la popolazione.

Per saperne di più ecco il numero verde da contattare: 800 556060

Potrebbero interessarti anche:
Ricetta medica unificata: rimborsabili i farmaci acquistati in UE
Farmaci e gravidanza: le due nuove iniziative dell’AIFA
Dove buttare i farmaci?

Autore

Pharmawizard 292 posts

Pharmawizard è il servizio digitale gratuito - app e desktop - che risolve il problema della ricerca di informazioni affidabili sui farmaci. Con Pharmawizard è possibile avere sempre a portata di mano la soluzione intelligente per gestire al meglio i propri farmaci e tutelare la propria salute.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like