Ricetta medica unificata: rimborsabili i farmaci acquistati in UE

Ricetta medica unificata: rimborsabili i farmaci acquistati in UE

Con la nuova ricetta medica unificata, i farmaci prescritti in Italia potranno essere acquistati e rimborsati in qualsiasi farmacia dell’Unione Europea. Inoltre, queste nuove ricette transfrontaliere e elettroniche avranno validità su tutto il territorio nazionale: per il cittadino sarà possibile andare in una qualsiasi farmacia del Paese a ritirare il proprio farmaco, anche se questo è stato prescritto da un medico di un’altra regione.

Come e quando?

Addio perciò alla ricetta rossa, grazie alla cosiddetta “Schengen della salute”, la direttiva europea recepita con il decreto legislativo che entrerà in vigore il prossimo 5 aprile.

Oltre alla possibilità di ricevere prestazioni mediche negli altri paesi dell’Unione Europea, per i cittadini comunitari è previsto anche il mutuo riconoscimento delle ricette mediche.

Rimborso entro 60 giorni

Così come già avviene per le cure transfrontaliere, anche per i farmaci la prassi resterà invariata. Il cittadino italiano che si presenterà in farmacia con la ricetta emessa in Italia (la cui validità resta sempre di 60 giorni) pagherà il farmaco richiesto di propria tasca e solo al suo ritorno in Italia ne potrà richiedere il rimborso alla Asl, ma non oltre i 60 giorni dall’acquisto.  L’azienda restituirà i soldi entro i due mesi successivi.

27 modelli di ricette

A loro volta, anche i cittadini Ue potranno ottenere nelle farmacie italiane medicinali prescritti all’estero.

Ognuno dei 27 Stati dell’Unione dovrà definire un proprio modello di ricetta “transfrontaliera”, valida cioè in tutti gli altri Paesi dell’Ue. Toccherà alle farmacie dello Stato di arrivo riconoscerne la validità, barcamenandosi tra i 27 modelli differenti.

In vista, insomma, c’è una burocrazia piuttosto complessa.

Supporto per medico prescrittore e farmacie

Federfarma ha già fatto sapere che aprirà presto nel proprio sitoun’area dove saranno raccolti i fac-simile di tutti i modelli autorizzati, una specie di database che possa permettere alle farmacie e ai medici un’agevole identificazione delle ricette provenienti da altri Stati. Intanto, è già stata resa disponibile una guida all’uso della nuova ricetta unificata per il medico prescrittore.

Alla prescrizione “transfrontaliera” si applicheranno comunque le norme nazionali riguardanti la sostituzione di una specialità con il farmaco dal minor prezzo.

Non vi sentite già più cittadini del mondo?

Potrebbero interessarti anche:
Farmaci equivalenti, per conoscerli meglio
Cosa sono i farmaci FANS?
Aspirina Bayer: storia del primo FANS

 

Autore

Pharmawizard 289 posts

Pharmawizard è il servizio digitale gratuito - app e desktop - che risolve il problema della ricerca di informazioni affidabili sui farmaci. Con Pharmawizard è possibile avere sempre a portata di mano la soluzione intelligente per gestire al meglio i propri farmaci e tutelare la propria salute.

1 Comment
  1. Anonimo
    febbraio 26, 20:06 Reply
    Io che lavoro in scozia con residenza ancora in Italia,posso avere un farmaco che mi faccio spedire tutte le volte?

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like