Sei sicura di conoscere la tua taglia di reggiseno?

Sei sicura di conoscere la tua taglia di reggiseno?

 Verso i trent’anni il suo petto cominciò ad arrotondarsi, la vita ad assottigliarsi, dimagrì e si allungò come una pianta concimata. La Nana le aveva raccolto i capelli in un nodo, l’aveva accompagnata a comprare il suo primo reggiseno, il suo primo paio di calze di seta, il suo primo vestito da donna (…).

(Tratto da La casa degli spiriti di Isabel Allende, pag. 127, Feltrinelli, 1982).

Per le donne il primo reggiseno equivale ad una vera e propria milestone: al pari del primo apparecchio ai denti, del primo viaggio da sola, del primo esame e della “prima volta”…

Ma come fece la Nana nel romanzo La casa degli spiriti ad aiutare Bianca a scegliere il reggiseno giusto?

 

Per cominciare bisogna prendere le misure! Ma come?

Il reggiseno, più di ogni altro capo di abbigliamento, va scelto in base alle proprie misure. Quelle che servono in questo caso sono due:

Sottoseno – Si tratta della circonferenza del torace. Va preso usando il metro morbido, quello da sarta, e facendolo girare intorno al torace, all’altezza dell’attaccatura del seno. Questa misura va arrotondata per difetto o per eccesso, al multiplo di cinque più vicino, ad es.: 75 cm, 80 cm, 85 cm. etc.;

Sopraseno – Si tratta della circonferenza del seno. Il centimetro in questo caso va fatto passare sempre intorno al torace, ma all’altezza dei capezzoli. Questa misura serve per determinare la grandezza della coppa, il volume del seno, che viene classificata con le lettere dell’alfabeto A, B, C, etc.

 

Con queste due misure alla mano si consultano le tabelle delle corrispondenze. Ad es.:

– 86 cm – circonferenza sottoseno

– 102 cm – circonferenza seno

4B è la taglia giusta!

 

L’operazione non va considerata opzionale, considerando che la maggior parte delle donne italiane non conosce la propria taglia di reggiseno. Va piuttosto considerata obbligatoria, anche considerato che una taglia sbagliata può provocare problemi di salute, come quelli derivanti da una cattiva postura che porta ad inevitabili problemi alla schiena.

A chi ci si rivolge per prendere le misure in modo corretto?

Serve un’esperta di Bra Fitting, ovvero la tecnica legata al mondo della lingerie, basata sull’anatomia. Per la misurazione si può lasciare indosso il proprio reggiseno, l’importante è che non sia troppo imbottito, per non alterare la misurazione.

Prendere le misure con l’esperta di Bra Fitting è un’operazione che dura circa 30 minuti. Con queste misura ciascuna donna avrò la possibilità di trovare il reggiseno perfetto per vestibilità, taglia e forma.

Il Bra Fitting comprende anche le tecniche per indossare il reggiseno, perché anche in questo molte donne commettono degli errori (la regolazione delle spalline, la scelta della chiusura intermedia dietro la schiena, etc.).

Come si ha la conferma di aver preso la taglia giusta?

A fine giornata, se il reggiseno non stringe e non crea nessun altro tipo di fastidio, neanche a distanza di ore. E’ questa la conferma che si tratta della misura corretta e del reggiseno giusto.

Se invece si desidera toglierlo, perché lo si sente troppo stretto, soffocante, questa è una delle prove che ci dice che c’è qualche cosa che non va. L’invito in questo caso è quello di prendere nuovamente le misure.

Una volta trovata la misura ed il reggiseno giusti, come rendersene cura?

Si tratta di capi delicati che quindi vanno trattati con delicatezza. Qualche accortezza anche nell’indossarli:
– lo slip andrebbe cambiato una volta al giorno

– il reggiseno andrebbe cambiato dopo averlo usato tre o quattro volte

– per il lavaggio è buona norma leggere sempre le indicazioni riportate sull’etichetta e non usare ammorbidenti!

 

Cristina Perrotti

Autore

VediamociChiara 48 posts

VediamociChiara è il blog dedicato alle donne che vogliono saperene di più sulla salute propria e di tutta la famiglia. I temi trattati sono vari: contraccezione, età fertile, perimenopausa, cure per l’infertilità, pillola del giorno dopo, nutraceutici, farmaci di nuova generazione, terapie per la cura dell’acne o della sindrome dell’ovaio policistico, iniziative benefiche come la Race for the Cure di Komen Italia.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like