Una tassa sugli antibiotici?

Una tassa sugli antibiotici?

Mettere una tassa sugli antibiotici per contrastare l’antibiotico resistenza?

Dopo la notizia del batterio resistente a qualsiasi antibiotico conosciuto, il problema dell’antibiotico-resistenza (di cui avevamo parlato la settimana scorsa), sembra riproporsi sotto una veste inattesa: quella fiscale.

Se ti tasso ti controllo

L’idea non poteva che venire da qualcuno che di numeri e di economia ne mastica un po’, Jim O’Neill, economista, ex presidente della Goldman Sachs e attualmente ministro del commercio inglese.

O’Neil è stato infatti incaricato dal Governo inglese di trovare una soluzione ad un problema, che, nel suo pensiero, rappresenta una minaccia ben più ampia e profonda per il mondo di quanto lo sia stata la crisi finanziaria del 2008.

Antibiotici e Alimentazione

L’idea di O’Neill non ha ancora una concreta definizione in termini di legge, ma si sta studiando sull’argomento, in quanto, i dati attuali sull’aumento dell’antibiotico-resistenza cominciano ad essere realmente inquietanti.

Di fondo è però c’è il progetto di indirizzare un cuneo fiscale specifico verso quei soggetti che rappresentano i più grandi consumatori di antibiotici al mondo: le aziende alimentari, in particolare quelle a monte della catena di produzione della carne. E’ su questi soggetti che, secondo O’Neill, si dovrebbe agire ancor prima con un’azione di sensibilizzazione e poi eventualmente co n qualche fonte di addebito per limitare il consumo di farmaci antibiotici in ambito veterinario.

Non solo aziende

L’antibiotico resistenza non è solo originata dall’uso di farmaci antibiotici in ambito veterinario, ma anche da un utilizzo individuale degli antibiotici. Molte persone non sanno ancora bene come utilizzare un antibiotico; non sanno , ad esempio, che importantissimo non interrompere mai un trattamento a metà, oppure che gli antibiotici sono totalmente inutili contro le infezioni di tipo virale.

Per questo prima di assumere un qualsiasi antibiotico è importante farlo dietro prescrizione medica e se si ha qualche dubbio utilizzare  Pharmawizard per risolverlo subito, senza srotolare impossibili bugiardini medici.

Autore

Pharmawizard 292 posts

Pharmawizard è il servizio digitale gratuito - app e desktop - che risolve il problema della ricerca di informazioni affidabili sui farmaci. Con Pharmawizard è possibile avere sempre a portata di mano la soluzione intelligente per gestire al meglio i propri farmaci e tutelare la propria salute.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like