YOGURT: tutto quello che non avete mai osato chiedere

YOGURT: tutto quello che non avete mai osato chiedere

Lo yogurt, è un alimento derivato dal latte che, in seguito all’inoculazione di fermenti lattici specifici e alla loro proliferazione, fermenta.

I suoi benefici si attribuiscono soprattutto alla ricchezza in probiotici, ovvero “organismi vivi che, somministrati in quantità adeguata, apportano un beneficio alla salute dell’ospite” (definizione OMS).

I Probiotici

I fermenti probiotici, quali – tra i tanti – Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus casei, Lactobacillus lactis, Bifidobacterium bifidum, riescono a sopportare indenni l’acidità dei succhi gastrici, a sopravvivere ed a riprodursi nel tratto gastrointestinale aiutando e supportando la flora batterica già presente normalmente nell’intestino.

Le specie sono centinaia, ma in particolare bisogna sapere che i Lattobacilli e Bifidobatteri contenuti anche nello yogurt:

  • partecipano attivamente alla pre-digestione del cibo aumentando la disponibilità dei nutrienti, producono vitamine del gruppo B (niacina, acido folico, piridossina) che sono fondamentali per la produzione di energia nel nostro organismo;
  • hanno un’azione antibatterica nei confronti dei batteri patogeni sia per “competizione” prendendosi a gomitate che per la produzione di sostanze come acido lattico e acido acetico che, abbassando il pH, rendono difficile l’insediamento patogeno. Producono inoltre veri e propri “antibiotici naturali” come il Perossido d’idrogeno, Acidofillina, Acidolina, Lattobacillina, Lactocitidina;
  • sono in grado di tenere sotto controllo ed eventualmente combattere la Candida, che è un fungo che popola la bocca, la gola, il tratto digerente, il tratto genito-urinario e la pelle di persone sane, che in determinate condizioni prende iniziativa e provoca un sacco di fastidi;
  • hanno persino un’azione anticolesterolo aiutando nel riassorbimento della bile,
  • migliorano la digestione, regolarizzando il transito intestinale aiutando in caso di stipsi o diarrea, agendo in modo sinergico alla fibra alimentare;
  • il Lactobacillus bulgaricus, inoltre, è fondamentale per gli intolleranti al lattosio grazie alla sua geniale capacità di scomporlo in glucosio e galattosio, cosa che gli intolleranti hanno difficoltà a fare per mancanza/riduzione dell’enzima responsabile;
  • Essendo dei batteri, per quanto buoni, tengono sempre sveglio e attivo il sistema immunitario che li conosce e tollera, e specialmente nel neonato esercitano una vera e propria azione di “addestramento”;
  • Sembrano avere, da recenti ricerche, anche un ruolo protettivo nei confronti del cancro al colon essendo in grado di metabolizzare alcune sostanze cancerogene prodotte, ad esempio, in seguito alla cottura della carne alla griglia;
  • Rivestono uno dei ruoli nella patofisiologia di diabete e obesità: la flora endogena (quando non è alterata) sembra proteggere dagli effetti infiammatori indotti da batteri patogeni intestinali e dall’ingestione di cibi ricchi in grassi, che porterebbero poi a resistenza all’insulina e ai conseguenti disordini metabolici […]

Le altre proprietà dello yogurt

Per finire, lo yogurt non ha solo effetti “salutari” per il contenuto in probiotici, ma è anche un’ottima fonte di calcio e fosforo, proteine, carboidrati e –nel caso sia derivato da latte scremato – pochissimi grassi. Apporta, per vasetto, circa una sessantina di calorie, diventando anche un ottimo spuntino saziante per chi deve tener d’occhio le calorie mangiando sano e nutriente.

Questo vale per lo yogurt bianco, ma dato che non a tutti piace, ci si può aggiungere un po’ di frutta a pezzi (meglio farlo voi piuttosto che comprarlo già alla frutta) oppure una manciata di cereali o fiocchi d’avena, così assumete pure un bel po’ di fibra.

Scrivi a Giulia: g.vincenzo@pharmawizard.it

Autore

Giulia Vincenzo 19 posts

Laureata all’Università Sapienza di Roma in Scienze Biologiche e in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica, con Master di II livello in Dietetica e Nutrizione all’Università Cattolica del Sacro Cuore – Policlinico Gemelli (Roma). Oggi lavora come nutrizionista e continua a studiare e aggiornarsi per capire a fondo i meccanismi dell’uso dei nutrienti e relative patologie per poter aiutare sempre meglio chi ne soffre. Ha un sito personale (www.giuliavincenzo.it) e gestisce la pagina Facebook “Mangiare intelligentemente“.

1 Comment

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like